Lipofilling

/Lipofilling
Lipofilling 2018-04-24T13:58:45+00:00

L’ operazione di lipofilling ha come obiettivo quello di modellare il corpo attraverso l’infiltrazione di tessuto adiposo precedentemente prelevato dallo stesso paziente. si tratta quindi di un trattamento chirurgico autologo e conseguentemente presenta un grado di rischio inferiore rispetto alle infiltrazioni di filler di altro tipo.

Il lipofilling ha tre aree principali d’azione che sono il seno con la possibilità d’infiltrare tessuto adiposo nella parte periferica della mammella per correggere inestetismi e avvallamenti; la lipoinfiltrazione ai glutei per aumentare la sporgenza oppure riempire in caso di svuotamento e il viso in caso del volto scavato e poco spigoloso. .

Prima del lipofilling

Il chirurgo estetico prescrive al paziente gli esami clinici da eseguire. Di norma vanno fatti gli esami del sangue classici ed l’ECG. Si deve sospendere l’uso di farmaci anticoagulanti sentendo preliminarmente il proprio medico di base. Evitare l’uso di alcool e fumo nell’ ultima settimana prima dell’ intervento e per 2 settimane dopo la chirurgia.

Intervento di lipofilling

Il lipofilling viene eseguito aspirando il grasso dalla zona donatrice e – dopo averlo centrifugato – infiltrarlo nella zona interessata. Si tratta di una chirurgia che necessita solo di piccole incisioni e non lascia cicatrici esteticamente rilevanti.

La durata del lipofilling varia in relazione alla zona o alle zone da modellare ed all’entità del modellamento. Se la zona è limitata la procedura ha una breve durata e può essere eseguita in anestesia locale.

Risultato del lipofilling

Il lipofilling modella il corpo e/o il viso attraverso l’iniezione di tessuto adiposo. Una parte delle cellule infiltrate non sopravvive e quindi il chirurgo tenderà a sovracorreggere l’inestetismo.

Durante le prime settimane la zona interessata si presenterà gonfia e con qualche ecchimosi. Con il passare dei giorni l’edema si riassorbe progressivamente e si può chiaramente osservare il risultato ottenuto. Nei mesi successivi è normale che il risultato si riduca marginalmente.

Una volta stabilizzato il risultato, questo si deve ritenere definitivo.